Discorso per il 1° agosto al museo del Ballenberg

Care concittadine e cari concittadini,

Buon 1° agosto! Mi rallegro di poter festeggiare con voi qui al Ballenberg il 722° compleanno della madre Patria. In questo museo all’aperto viviamo un condensato di tradizione e vita Svizzera. “Più si riesce a guardare indietro, più avanti si riuscirà a vedere”. Questa frase dello statista Winston Churchill ben si addice al luogo in cui ci troviamo. Chi visita il Ballenberg ha l’opportunità di capire cosa è stata nel passato la Svizzera; dove e come vivevamo. E’ visibile a tutti che siamo uno Stato ricco di diversità, ma con valori fondamentali comuni che affondano le radici nella Storia della nostra gente e delle nostre tradizioni. Non abbiamo tutti la stessa identità culturale, non parliamo tutti la medesima lingua, le nostre città e le nostre campagne non sono tutte identiche. Siamo però tutti svizzeri. Orgogliosi di esserlo e di festeggiare insieme il Natale della Patria.

La pressione degli Stati intorno a noi è alta e il contesto internazionale è molto difficile. Ma il nostro futuro, la capacità di garantire qualità di vita e benessere alla popolazione e al territorio, sono anche e soprattutto nelle nostre mani.

Da qualche tempo ho l’impressione che il geniale progetto di “Willensnation” Svizzera sia messo a dura prova da una serie di proposte provenienti dagli svizzeri medesimi. Le differenti tipicità locali e l’autonomia locale così fortemente radicata nei Comuni sono considerate da taluni, elementi problematici, costosi e poco efficienti, da ridimensionare e, se possibile, da eliminare. Stiamo forse dimenticando chi siamo e come è fatta la Svizzera? La Svizzera sono le sue cittadine e i suoi cittadini; ognuno con le proprie peculiarità e con la propria identità locale.

Questa verità è stata il cardine attorno al quale è nato e si è costruito il nostro Paese, è il fondamento di una nazione cresciuta per volontà comune, a partire dal Patto federale del 1291 che siamo qui oggi a ricordare. Se dimentichiamo chi siamo, da dove veniamo e come siamo fatti, mettiamo in pericolo la stabilità e gli equilibri del nostro Paese. Le differenze, nella storia della Svizzera, sono state un collante e ci hanno permesso di restare uniti. Sono tuttavia in atto movimenti centrifughi e disgreganti. Si vuole uniformare le diversità presenti nella Confederazione, eliminare le differenze, alla ricerca di un’omogeneità irrispettosa della nostra storia. La Svizzera non è stata, non è, e non sarà mai uno Stato unitario. Cercare di rinchiuderla in questa forma che non le appartiene è contro la sua natura. È la negazione del nostro essere. Solo teoria e retorica? No, gentili signore ed egregi signori, non è questa la Svizzera che vogliamo. Non possiamo sottovalutare la situazione, che è preoccupante. Eccovi solo due esempi.

Pensiamo al multilinguismo svizzero che da ricchezza e tipicità sta diventando con il tempo un ostacolo. Le lingue nazionali sono oggi per taluni incoscienti un fardello costoso e non un’opportunità e una ricchezza. Il ruolo dell’italiano nella Svizzera moderna è vieppiù marginale. I tedescofoni si radicano sullo schwiizerdütsch e l’inglese. I romandi sono riluttanti nei confronti del tedesco e bistrattano l’italiano. E noi ticinesi dovremmo smettere di imparare il tedesco e il francese perché con l’inglese possiamo muoverci in Svizzera e nel mondo? Gentili signore ed egregi signori, questa è la negazione della Svizzera. Il plurilinguismo è un elemento chiave del nostro Paese. Sono ricorrenti le decisioni che lo mettono in serio pericolo. Per la Svizzera le 4 lingue sono una ricchezza, non un ostacolo e nemmeno un costo.

Pensiamo poi, quale altro esempio, alla varietà territoriale e geografica della Svizzera e alle infrastrutture che hanno unito le differenti regioni del nostro Paese. La Svizzera è un Paese capace di garantire pari opportunità di sviluppo ai suoi cittadini, così come equilibrio e solidarietà fra le diverse realtà, grazie a una rete di infrastrutture diffusa su tutto il territorio nazionale. Anche in questo ambito, noto purtroppo un crescente accentramento di progetti e miglioramenti solo verso le città e gli agglomerati, calamite di investimenti a scapito della Svizzera periferica e rurale. Facciamo attenzione, occorre investire e garantire equilibrio in tutte le regioni del Paese. Un eccessivo accentramento crea squilibri e dimentica una componente centrale del Paese. Valli e Comuni di montagna non sono e non devono divenire musei viventi.

Parlando di infrastrutture, come ticinese, devo lanciare sin d’ora un appello alla vostra solidarietà e responsabilità. L’intera Svizzera discuterà, e probabilmente voterà, nei prossimi due anni il completamente del tunnel autostradale del San Gottardo. A causa della necessità di un risanamento totale l’attuale galleria autostradale dovrà essere chiusa per oltre 3 anni. Confido nella capacità degli svizzeri di mostrare una volta di più che ogni regione del Paese è importante e merita pari dignità. Il Ticino non può restare senza collegamento autostradale. Pensare che AlpTransit e il solo collegamento ferroviario siano una sufficiente valvola di sfogo, e sostitutivi alla strada, è utopico, un’offesa per la nostra regione. Strada e ferrovia sono complementari e il Ticino, la sua economia e la sua gente, hanno bisogno di un collegamento autostradale costante con il resto del Paese. Care concittadine e cari concittadini, abbiamo bisogno della vostra solidarietà per realizzare il secondo tunnel autostradale, evidentemente senza aumentare la capacità di transito.

In conclusione, pensando agli esempi citati, vi invito a tenere in considerazione tutto l’anno che la diversità e la pluralità svizzere sono una ricchezza e un fattore chiave del successo del nostro Paese. La Svizzera è unica ed eccezionale, perché gli svizzeri sono uniti nelle diversità, solidali e federalisti. La Svizzera siamo noi con la volontà comune di vivere la nostra identità, coscienti della varietà e della complessità del nostro Paese. Costa qualche sforzo e qualche franco in più, non è sempre la soluzione più efficiente, ma è stata e sarà quella vincente!

Viva la Svizzera! Buon 1° d’agosto!

Marco Romano, consigliere nazionale PPD Ticino

0 Kommentare


Diskutieren Sie mit!

Bei Politnetz legen wir Wert auf einen konstruktiven Austausch. Bitte bleiben Sie beim Thema und respektieren Sie andere Personen. Lesen Sie unsere Diskussionsregeln.


Mehr zum Thema «1. August-Reden»

zurück zum Seitenanfang